ti trovi in: Servizi alla Persona » Anziani

Inserimento in struttura protetta

La struttura protetta è un contesto residenziale socio-assistenziale e sanitario  che ospita anziani non autosufficienti.
 

A CHI È RIVOLTO

E’ rivolto agli anziani  non autosufficienti.

 





COME FUNZIONA

Le Case Protette  forniscono ai propri ospiti assistenza soci-assistenziale e sanitaria , organizzano attività di riabilitazione e animazione.

Nel territorio del Distretto sono presenti  diverse strutture protette, a cui è possibile accedere indifferentemente:

-Casa protetta Città di Fidenza;

-Casa protetta L.Peracchi di Fontanellato;

-Casa protetta P. Borsi di Noceto;

-Casa protetta Città di Salsomaggiore;

-Casa protetta  S.Rita di Soragna

-Casa Protetta “Dagnini  di Zibello;

-Casa Protetta Villa Gaj Corradi di Trecasali;

- Casa protetta  Don Prandocchi di Sissa;

-  Casa protetta  T.Sbruzzi di San Secondo;

-  Casa protetta  Gottofredi di Roccabianca;

-   Casa protetta  Pallavicino di Busseto

 

 

RICOVERO TEMPORANEO

 

Sono previsti ricoveri temporanei di un massimo di due mesi, con l’obbiettivo fondamentale di favorire la permanenza a domicilio dell’anziano, supportando la famiglia nell’impegno di cura.

 

RICOVERO NOTTURNO (Sperimentale)

 

Presso la Casa Protetta “L. Peracchi” di Fontanellato è possibile usufruire di ricoveri durante le ore notturne (dalle 17.00 alle 8.00).

Tale progetto si pone come obbiettivo quello di sostenere l’anziano (sia autosufficiente che non) e la sua famiglia in momenti di particolare difficoltà.
 

DOVE RIVOLGERSI ED A CHI

ASSISTENTE SOCIALE DEL COMUNE – presso la Sede Centro Diurno Anziani in via Roma 44  nel Capoluogo –

 tel. 0521/610742.

Riceve:

§   Martedì e giovedì dalle 8.30 alle 13.00

§  negli altri giorni su appuntamento.

 

COME SI OTTIENE

Il ricovero in strutture protette per anziani non autosufficienti avviene previa compilazione del modulo di richiesta presso l'Ufficio Servizi Sociali  nel quale sono contenute le informazioni anagrafiche dell'anziano, del familiare di riferimento (se esiste) ed  una valutazione del medico curante. 

L'assistente sociale del Comune insieme con l'Unità di Valutazione Geriatrica, per mezzo del Servizio Assistenza Anziani dell'A.U.S.L., effettua una valutazione multidimensionale circa le condizioni fisiche, psichiche, sociali e familiari dell'anziano.

 Successivamente in accordo con il coordinatore della Casa Protetta viene redatta una graduatoria per singoli Comuni, distinta fra uomini e donne. Non essendo presente nell’ambito di Fontevivo alcuna struttura protetta, i residenti nel nostro Comune sono automaticamente inseriti nella graduatoria per l’accesso alla Casa Protetta “L. Peracchi” di Fontanellato, al pari dei residenti in tale Comune, salvo preferenze per altre Strutture espresse dall’Anziano o dai suoi familiari.
 

TEMPI DI AVVIO

Entro giorni 30, dal momento della richiesta, viene effettuata la valutazione multidimensionale, salvo casi di emergenza; segue  l’inserimento in struttura nel momento in cui si verifica la disponibilità del posto e comunque in relazione alla collocazione in graduatoria dell’anziano.

 

COSTI

Retta di ricovero.

Condividi su...

Proprietà dell'articolo
creato: sabato 31 marzo 2007
modificato: sabato 31 marzo 2007